Mimnermo

Le notizie sulla vita di Mimnermo sono piuttosto scarse e non prive di contraddizioni; incerto è anche il periodo in cui visse. Se si vogliono accettare le indicazioni del lessico 𝑆𝑢𝑑𝑎, egli sarebbe nato a Colofone, città ionica dell’Asia Minore, a nord-ovest di Efeso, al tempo della XXXVII Olimpiade e cioè negli anni fra il 632 e il 629 a.C.; secondo altre fonti, più attendibili, Mimnermo sarebbe stato contemporaneo di Simonide di Amorgo e nato a Smirne, colonia di Colofone, verso la metà del VII secolo a.C.

Porfirione, nel suo commento a Orazio (Pᴏʀᴘʜ. 𝐻𝑜𝑟. 𝑐𝑜𝑚𝑚. 𝑒𝑝𝑖𝑠𝑡. II 2, 101 p. 399 Holder), attesta che la produzione superstite di Mimnermo circolasse divisa in due libri, mentre sono noti da altre fonti due titoli, la 𝑆𝑚𝑖𝑟𝑛𝑒𝑖𝑑𝑒 (Σμυρνῃίς), sulla storia di Smirne e della colonizzazione ionica, e la 𝑁𝑎𝑛𝑛𝑜́ (Ναννώ), dal nome dell’omonima etera amata dal poeta. Non è chiaro a quel di questi due componimenti alluda Callimaco di Cirene allorché, nel proemio degli 𝐴𝑖𝑡𝑖𝑎 (fr. 1, 11-11 Pfeiffer) contrappone la μεγάλη γυνή («grande donna») alle κατὰ λεπτόν [sc. ῥήσιες] («poesie alla spicciolata»), né come si possa conciliare la notizia sui due libri con questa raccolta di componimenti (che potrebbero essere stati in seguito intitolati 𝑁𝑎𝑛𝑛𝑜́ sul modello della 𝐿𝑦𝑑𝑒 di Antimaco di Colofone).

Che il poeta fosse originario di Smirne troverebbe conferma nel fatto che la tradizione attribuisse a Mimnermo l’esteso poema elegiaco, la 𝑆𝑚𝑖𝑟𝑛𝑒𝑖𝑑𝑒, relativo alla lotta fra gli Smirnei e il vicino regno di Lidia, al tempo di re Gige (cfr. Pᴀᴜs. IX 29, 4). Il componimento conteneva un complesso proemio rivolto alle Muse, nel quale non solo si ricordava il recente passato ma forse anche la fondazione della città stessa. Apparteneva probabilmente alla 𝑆𝑚𝑖𝑟𝑛𝑒𝑖𝑑𝑒 un breve frammento (fr. 14 W²), riportato da Stobeo (III 7, 11) senza indicazione dell’opera di provenienza, in cui è descritta la prodezza di un combattente che si era segnalato nel respingere sulla piana dell’Ermo, intorno al 670/60 a.C., l’esercito lidio che muoveva contro Smirne. Alcuni studiosi hanno supposto che il personaggio fosse un antenato dello stesso Mimnermo, il cui nome Μίμνερμος significa appunto «Colui che resiste al fiume Ermo» (dal verbo μίμνειν, «resistere»); in questo caso, l’elegia avrebbe forse avuto, oltre che un valore storico, anche un carattere parenetico, come i versi di Callino e di Tirteo, inserendosi così nel quadro di questo genere letterario, caratteristico della Ionia arcaica.

Pittore Lisippide (attribuito). Scena di combattimento oplitico. Pittura vascolare da un’anfora attica a figure nere, 530 a.C. c. da Vulci. Berlin, Staatliche Antikensammlungen.

οὐ μὲν δὴ κείνου γε μένος καὶ ἀγήνορα θυμὸν

τοῖον ἐμέο προτέρων πεύθομαι, οἵ μιν ἴδον

Λυδῶν ἱππομάχων πυκινὰς κλονέοντα φάλαγγας

Ἕρμιον ἂμ πεδίον, φῶτα φερεμμελίην·

τοῦ μὲν ἄρ’ οὔ ποτε πάμπαν ἐμέμψατο Παλλὰς Ἀθήνη

δριμὺ μένος κραδίης, εὖθ’ ὅ γ’ ἀνὰ προμάχους

σεύαιθ’ αἱματόεν‹τος ἐν› ὑσμίνηι πολέμοιο,

πικρὰ βιαζόμενος δυσμενέων βέλεα·

οὐ γάρ τις κείνου δηίων ἔτ’ ἀμεινότερος φὼς

ἔσκεν ἐποίχεσθαι φυλόπιδος κρατερῆς

ἔργον, ὅτ’ αὐγῆισιν φέρετ’ ὠκέος ἠελίοιο.

Non la forza di quello né l’animo gagliardo

quale io vengo a sapere dagli antenati, i quali lo videro

volgere in fuga le fitte falangi dei Lidii che combattono sui carri,

nella piana dell’Ermo, lui, uomo armato di lancia.

Pallade Atena non rimproverò mai la dura

tempra del suo cuore, quando, in prima fila,

si slanciava nella mischia della guerra sanguinosa,

opponendosi con forza agli amari dardi dei nemici;

nessun uomo più valente di quello ci fu, a compiere

contro gli avversari gesta di violenta mischia,

quando irrompeva, sotto i raggi del rapido Sole.

Come si è accennato, oltre alla 𝑆𝑚𝑖𝑟𝑛𝑒𝑖𝑑𝑒, Mimnermo avrebbe composto un’altra raccolta di versi intitolata 𝑁𝑎𝑛𝑛𝑜́, dal nome della flautista amata dal poeta. Nonostante il nome della donna non compaia in nessuno dei frammenti superstiti, l’affermazione di Ermesianatte che Mimnermo «ardeva [d’amore] per Nannó» (καίετο μὲν Ναννοῦς, fr. 7, 37 Powell = Aᴛʜᴇɴ. 13 597f = Pʜᴏᴛ. 𝐵𝑖𝑏𝑙. 319b, 11) suggerisce che la donna avesse una certa familiarità con il poeta; ancora Ermesianatte, nel medesimo componimento, riporta che Nannó «spesso messa la bocca al venerando / 𝑎𝑢𝑙𝑜́𝑠, faceva baldoria con Essamia» (πολιῷ δ’ ἐπὶ πολλάκι λωτῷ / κημωθεὶς κώμους εἶχε σὺν Ἐξαμύῃ, fr. 7, 37-38 Powell). Al di là di questa tradizione di età alessandrina, le citazioni dalla 𝑁𝑎𝑛𝑛𝑜́ coprono svariati argomenti, con incursioni nel mito e nella storia. Fra i brani riportati dagli antichi come provenienti da quest’opera è quello inserito nel racconto della celebre impresa di Giasone, la conquista del vello d’oro appartenente al re della Colchide, Eeta (fr. 12 W²). Poiché il sovrano era figlio di Helios, il Sole, di notte ospitava il dio nella sua reggia, perché vi riposasse. Dopo aver percorso il cielo durante il giorno, giunto all’estremo Occidente, il Sole si coricava in una barca d’oro, lasciandosi trasportare dalla corrente dell’Oceano. Il fiume primordiale, che cingeva il disco della Terra con le sue acque, lo riportava a Oriente, fino al palazzo di Eeta, dove il Sole, in una stanza tutta d’oro, attendeva l’alba, per aggiogare di nuovo al carro i suoi fiammeggianti cavalli e portare al mondo la luce di un nuovo giorno.

Ἠέλιος μὲν γὰρ πόνον ἔλλαχεν ἤματα πάντα,

οὐδέ ποτ’ ἄμπαυσις γίνεται οὐδεμία

ἵπποισίν τε καὶ αὐτῶι, ἐπεὶ ῥοδοδάκτυλος Ἠὼς

Ὠκεανὸν προλιποῦσ’ οὐρανὸν εἰσαναβῆι.

τὸν μὲν γὰρ διὰ κῦμα φέρει πολυήρατος εὐνή,

ποικίλη, Ἡφαίστου χερσὶν ἐληλαμένη,

χρυσοῦ τιμήεντος, ὑπόπτερος, ἄκρον ἐφ’ ὕδωρ

εὕδονθ’ ἁρπαλέως χώρου ἀφ’ Ἑσπερίδων

γαῖαν ἐς Αἰθιόπων, ἵνα δὴ θοὸν ἅρμα καὶ ἵπποι

ἑστᾶσ’, ὄφρ’ Ἠὼς ἠριγένεια μόληι·

ἔνθ’ ἐπέβη ἑτέρων ὀχέων Ὑπερίονος υἱός.

Helios ebbe in sorte una fatica quotidiana

e non esiste mai nessun riposo

per lui e per i cavalli, quando l’Aurora dalle rosee dita,

lasciato l’Oceano, sale su nel cielo;

infatti, attraverso le onde lo porta il bellissimo letto,

concavo, forgiato a martello dalle mani di Efesto

d’oro prezioso, alato, a fior d’acqua,

velocemente, mentre dorme, dalla regione delle Esperidi

fino alla terra degli Etiopi, dove attendono il rapido carro

e i cavalli, finché giunga l’Aurora mattutina:

allora, il figlio di Iperione sale sul carro.

D’altra parte, fin dall’antichità (cfr. Pᴏsɪᴅɪᴘ. 𝐴𝑛𝑡ℎ. 𝑃𝑎𝑙. XII 168; Hᴏʀ. 𝐸𝑝𝑖𝑠𝑡. I 6, 65-66; Pʀᴏᴘ. I 9, 11, 𝑝𝑙𝑢𝑠 𝑖𝑛 𝑎𝑚𝑜𝑟𝑒 𝑢𝑎𝑙𝑒𝑡 𝑀𝑖𝑚𝑛𝑒𝑟𝑚𝑖 𝑢𝑒𝑟𝑠𝑢𝑠 𝐻𝑜𝑚𝑒𝑟𝑜) il nome di Mimnermo rimase legato essenzialmente a quella sfera dell’amore e del piacere che trovava il proprio limite invalicabile non tanto nella morte quanto nella squallida vecchiaia. Difatti, le composizioni più apprezzate di Mimnermo furono quelle di carattere soggettivo, in cui la personalità del singolo e le problematiche della vita individuale sembravano prevalere su ogni altro argomento. Queste liriche, come anche quelle di altri poeti della Ionia, suscitano nel lettore moderno l’impressione che, quanto più le esigenze della collettività vincolavano il comportamento dei cittadini al rispetto di normative sociali, tanto più essi avvertissero individualmente il bisogno di una vita privata libera, tesa alla realizzazione di una felicità sensibile, da vivere senza imposizioni esterne e schemi tradizionali.

Pittore di Brygos. Suonatrice di 𝑎𝑢𝑙𝑜́𝑠. Pittura vascolare dal tondo di una 𝑘𝑦́𝑙𝑖𝑥 attica a figure rosse, 490 a.C. ca., da Vulci. Paris, Musée du Lovure.

In conseguenza di ciò, la poesia si aprì a esperienze nuove, improntate a una sensibilità diversa e più personale, volte alla ricerca della gioia, della serenità, del piacere, nella convinzione che la vita fosse del tutto vana e priva di senso senza i godimenti più immediati e sensuali, primi fra tutti quelli della bellezza, della giovinezza e dell’amore. La produzione poetica ispirata a tale ottica esistenziale fu destinata a grande fortuna non solo nel mondo ellenistico, ma anche nella letteratura latina, a partire dai 𝑝𝑜𝑒𝑡𝑎𝑒 𝑛𝑜𝑣𝑖 per giungere fino a Orazio e all’elegia amorosa di Properzio e di Ovidio.

Questi caratteri costituiscono il fondamento dell’opera di Mimnermo, di cui è giunta una quindicina di frammenti piuttosto brevi. Poeta della giovinezza e dell’amore, egli predilesse una poesia fondata sulla riflessione e sul sentimento; il suo ambiente di elezione fu quello esclusivamente maschile del simposio, che gli offriva un’atmosfera e un pubblico particolarmente adatti ad apprezzare tali tematiche. Occorre tuttavia sottolineare, per evitare interpretazioni anacronistiche e sostanzialmente errate, che Mimnermo non si ispirò agli ideali né al genere di vita gaudente di stampo decadentistico: egli intese semplicemente proclamare il diritto dell’individuo a un comportamento personale caratterizzato dalla volontà di godere quanto la vita potesse offrire di lieto e di piacevole e che, proprio per questo, si discostava dall’etica della πόλις. Nacque così una tematica nuova, quella che contrapponeva τὸ ἡδύ, «il dolce», «il piacevole», che scaturisce dalle scelte e dal carattere dell’individuo, e τὸ καλόν, «il bello», sancito dalle regole dell’educazione collettiva.

Tuttavia, nei versi di Mimnermo, all’entusiasmo per la giovinezza, la bellezza, l’amore, non sono estranei una sconsolata rassegnazione e un disperato rimpianto di fronte agli spettri onnipresenti delle malattie, della vecchiaia e della morte, la cui tragica consapevolezza avvelena ogni momento di gioia nel cuore dell’uomo; quanto più esso è intenso, tanto più reca in sé, come un germe distruttore, l’ansia della propria caducità (cfr. frr. 1, 2, 4 e 5 W²). Si comprende così come una scelta, che in apparenza sembra gratificare la libertà individuale in modo pieno e appagante, costi, agli occhi del poeta, un prezzo assai alto: se l’uomo si abbandona al godimento di una felicità immediata e sensibile, deve essere memore dell’estrema caducità di quanto desidera e rassegnarsi, con dolente malinconia, alla breve fragilità di quelle gioie che pure sono le uniche a rendere l’esistenza degna di essere vissuta. Questo tipo di poesia, scaturita da una meditazione sulle fasi dell’esistenza umana in rapporto all’eros (la giovinezza e la vecchiaia rappresentano nella vita le situazioni estreme e contrapposte in relazione all’amore), fu favorita dall’ambiente simposiale, in cui l’età dei partecipanti offriva un quadro differenziato, ponendo sotto gli occhi di Mimnermo vecchiaia e malattia come naturale conclusione dell’età giovanile.

***

Bibliografia:

A. Aʟʟᴇɴ (ed.), 𝐹𝑟𝑎𝑔𝑚𝑒𝑛𝑡𝑠 𝑜𝑓 𝑀𝑖𝑚𝑛𝑒𝑟𝑚𝑢𝑠: 𝑇𝑒𝑥𝑡 𝑎𝑛𝑑 𝐶𝑜𝑚𝑚𝑒𝑛𝑡𝑎𝑟𝑦, Stuttgart 1993 [archive.org].

T.R. Assᴜɴᴄ̧ᴀ̃ᴏ, 𝑁𝑜𝑡𝑎 𝑠𝑜𝑏𝑟𝑒 𝑎 𝑐𝑜𝑟𝑟𝑒𝑐̧𝑎̃𝑜 𝑑𝑒 𝑀𝑖𝑚𝑛𝑒𝑟𝑚𝑜 𝑝𝑜𝑟 𝑆𝑜́𝑙𝑜𝑛 (26 𝐺. 𝑒 𝑃.), Classica Brasil 15-16 (2002-2003), 51-62.

D. Bᴀʙᴜᴛ, 𝑆𝑒́𝑚𝑜𝑛𝑖𝑑𝑒 𝑒𝑡 𝑀𝑖𝑚𝑛𝑒𝑟𝑚𝑒, REG 84 (1971), 17-43 [persee.fr] = in E. Dᴇɢᴀɴɪ (ed.), 𝑃𝑜𝑒𝑡𝑖 𝑔𝑟𝑒𝑐𝑖 𝑔𝑖𝑎𝑚𝑏𝑖𝑐𝑖 𝑒𝑑 𝑒𝑙𝑒𝑔𝑖𝑎𝑐𝑖, Milano 1977, 77-94.

I. Bɪᴏɴᴅɪ, 𝑆𝑡𝑜𝑟𝑖𝑎 𝑒 𝑎𝑛𝑡𝑜𝑙𝑜𝑔𝑖𝑎 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑙𝑒𝑡𝑡𝑒𝑟𝑎𝑡𝑢𝑟𝑎 𝑔𝑟𝑒𝑐𝑎. 1: 𝐷𝑎𝑙𝑙𝑒 𝑜𝑟𝑖𝑔𝑖𝑛𝑖 𝑎𝑙 𝑉 𝑠𝑒𝑐𝑜𝑙𝑜 𝑎.𝐶., Messina-Firenze 2004, 316-318.

E.L. Bᴏᴡɪᴇ, 𝐸𝑎𝑟𝑙𝑦 𝐺𝑟𝑒𝑒𝑘 𝐸𝑙𝑒𝑔𝑦, 𝑆𝑦𝑚𝑝𝑜𝑠𝑖𝑢𝑚 𝑎𝑛𝑑 𝑃𝑢𝑏𝑙𝑖𝑐 𝐹𝑒𝑠𝑡𝑖𝑣𝑎𝑙, JHS 106 (1986), 28-30 [jstor.org].

E. Dᴇɢᴀɴɪ, G. Bᴜʀᴢᴀᴄᴄʜɪɴɪ, 𝐿𝑖𝑟𝑖𝑐𝑖 𝑔𝑟𝑒𝑐𝑖, Firenze 1977 (Bologna 2005), 95-104.

F. Dᴇʟʟᴀ Cᴏʀᴛᴇ, V. Dᴇ Mᴀʀᴄᴏ, A. Gᴀʀᴢʏᴀ, A. Cᴏʟᴏɴɴᴀ, L. Aʟꜰᴏɴsɪ, B. Gᴇɴᴛɪʟɪ, 𝑀𝑖𝑚𝑛𝑒𝑟𝑚𝑜, Maia 18 (1965), 366-387.

A. Dɪʜʟᴇ, 𝑍𝑢𝑟 𝐷𝑎𝑡𝑖𝑒𝑟𝑢𝑛𝑔 𝑑𝑒𝑠 𝑀𝑖𝑚𝑛𝑒𝑟𝑚𝑜𝑠, Hermes 90 (1962), 257-275 [jstor.org].

G. D’Iᴘᴘᴏʟɪᴛᴏ, 𝐶𝑜𝑚𝑝𝑎𝑡𝑡𝑒𝑧𝑧𝑎 𝑒 𝑛𝑜𝑣𝑖𝑡𝑎̀ 𝑛𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑝𝑜𝑒𝑠𝑖𝑎 𝑑𝑖 𝑀𝑖𝑚𝑛𝑒𝑟𝑚𝑜 (𝑎𝑢𝑡𝑜- 𝑒 𝑖𝑛𝑡𝑒𝑟𝑡𝑒𝑠𝑡𝑢𝑎𝑙𝑖𝑡𝑎̀), in R. Pʀᴇᴛᴀɢᴏsᴛɪɴɪ (ed.), 𝑇𝑟𝑎𝑑𝑖𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑒 𝑖𝑛𝑛𝑜𝑣𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑛𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑐𝑢𝑙𝑡𝑢𝑟𝑎 𝑔𝑟𝑒𝑐𝑎 𝑑𝑎 𝑂𝑚𝑒𝑟𝑜 𝑎𝑙𝑙’𝑒𝑡𝑎̀ 𝑒𝑙𝑙𝑒𝑛𝑖𝑠𝑡𝑖𝑐𝑎. 𝑆𝑡𝑢𝑑𝑖 𝑖𝑛 𝑜𝑛𝑜𝑟𝑒 𝑑𝑖 𝐵. 𝐺𝑒𝑛𝑡𝑖𝑙𝑖, Roma 1993, 285-300.

F. Fᴇʀʀᴀʀɪ, 𝐿𝑎 𝑝𝑜𝑟𝑡𝑎 𝑑𝑒𝑖 𝑐𝑎𝑛𝑡𝑖. 𝑆𝑡𝑜𝑟𝑖𝑎 𝑒 𝑎𝑛𝑡𝑜𝑙𝑜𝑔𝑖𝑎 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑙𝑖𝑟𝑖𝑐𝑎 𝑔𝑟𝑒𝑐𝑎, Bologna 2000, 118.

S. Gᴀʟʜᴀᴄ, 𝐿𝑎 𝑟𝑒𝑝𝑟𝑒́𝑠𝑒𝑛𝑡𝑎𝑡𝑖𝑜𝑛 𝑑𝑒 𝑙𝑎 𝑣𝑖𝑒𝑖𝑙𝑙𝑒𝑠𝑠𝑒 𝑑𝑎𝑛𝑠 𝑙𝑒𝑠 𝑓𝑟𝑎𝑔𝑚𝑒𝑛𝑡𝑠 1, 2 𝑒𝑡 5 (𝑒́𝑑. 𝑊𝑒𝑠𝑡) 𝑑𝑒 𝑀𝑖𝑚𝑛𝑒𝑟𝑚𝑒 𝑒𝑡 𝑑𝑎𝑛𝑠 𝑙𝑒𝑠 𝑝𝑜𝑒̀𝑚𝑒𝑠 ℎ𝑜𝑚𝑒́𝑟𝑖𝑞𝑢𝑒𝑠, REG 119 (2006), 62-82 [persee.fr].

A. Gᴀʀᴢʏᴀ, 𝑅𝑖𝑐𝑒𝑟𝑐ℎ𝑒 𝑖𝑛𝑡𝑜𝑟𝑛𝑜 𝑎 𝑀𝑖𝑚𝑛𝑒𝑟𝑚𝑜 𝑒 𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑠𝑢𝑎 𝑜𝑝𝑒𝑟𝑎, in 𝑆𝑡𝑢𝑑𝑖 𝑠𝑢𝑙𝑙𝑎 𝑙𝑖𝑟𝑖𝑐𝑎 𝑔𝑟𝑒𝑐𝑎. 𝐷𝑎 𝐴𝑙𝑐𝑚𝑎𝑛𝑒 𝑎𝑙 𝑝𝑟𝑖𝑚𝑜 𝑖𝑚𝑝𝑒𝑟𝑜, Messina-Firenze 1963, 47-72.

B. Gᴇɴᴛɪʟɪ, C. Pʀᴀᴛᴏ (eds.), 𝑃𝑜𝑒𝑡𝑎𝑒 𝐸𝑙𝑒𝑔𝑖𝑎𝑐𝑖. 𝑇𝑒𝑠𝑡𝑖𝑚𝑜𝑛𝑖𝑎 𝑒𝑡 𝐹𝑟𝑎𝑔𝑚𝑒𝑛𝑡𝑎, vol. 1, Leipzig 1988², 39-61.

Iᴅ., C. Cᴀᴛᴇɴᴀᴄᴄɪ, 𝑃𝑜𝑙𝑖𝑛𝑛𝑖𝑎, Messina-Firenze 2007³, 42-52.

D.E. Gᴇʀʙᴇʀ, 𝐺𝑟𝑒𝑒𝑘 𝐸𝑙𝑒𝑔𝑖𝑎𝑐 𝑃𝑜𝑒𝑡𝑟𝑦: 𝐹𝑟𝑜𝑚 𝑡ℎ𝑒 𝑆𝑒𝑣𝑒𝑛𝑡ℎ 𝑡𝑜 𝑡ℎ𝑒 𝐹𝑖𝑓𝑡ℎ 𝐶𝑒𝑛𝑡𝑢𝑟𝑖𝑒𝑠 𝐵𝐶, Cambridge 1999.

Iᴅ., 𝑀𝑖𝑚𝑛𝑒𝑟𝑚𝑢𝑠, 𝑓𝑟𝑎𝑔𝑚𝑒𝑛𝑡 1.3 𝑊., in A.F. Bᴀssᴏɴ, W.J. Dᴏᴍɪɴɪᴋ (eds.), 𝐿𝑖𝑡𝑒𝑟𝑎𝑡𝑢𝑟𝑒, 𝐴𝑟𝑡, 𝐻𝑖𝑠𝑡𝑜𝑟𝑦. 𝑆𝑡𝑢𝑑𝑖𝑒𝑠 𝑜𝑛 𝐶𝑙𝑎𝑠𝑠𝑖𝑐𝑎𝑙 𝐴𝑛𝑡𝑖𝑞𝑢𝑖𝑡𝑦 𝑎𝑛𝑑 𝑇𝑟𝑎𝑑𝑖𝑡𝑖𝑜𝑛 𝑖𝑛 𝐻𝑜𝑛𝑜𝑢𝑟 𝑜𝑓 𝑊.𝐽. 𝐻𝑒𝑛𝑑𝑒𝑟𝑠𝑜𝑛, Bern-Frankfurt a.M. 2003, 193-195.

P. Gɪᴀɴɴɪɴɪ, 𝐿𝑎 𝑔𝑖𝑜𝑣𝑖𝑛𝑒𝑧𝑧𝑎 𝑖𝑔𝑛𝑎𝑟𝑎 𝑑𝑒𝑙 𝑏𝑒𝑛𝑒 𝑒 𝑑𝑒𝑙 𝑚𝑎𝑙𝑒: 𝑀𝑖𝑚𝑛𝑒𝑟𝑚𝑜 2 𝐷, 2 𝑊𝑒𝑠𝑡, 𝑣𝑣. 4-5, QUCC 25 (1977), 23-27.

M. Gɪɢᴀɴᴛᴇ, 𝐼𝑙 𝑛𝑜𝑚𝑒 𝑑𝑖 𝑀𝑖𝑚𝑛𝑒𝑟𝑚𝑜, in AA.VV., 𝑆𝑜𝑑𝑎𝑙𝑖𝑡𝑎𝑠. 𝑆𝑐𝑟𝑖𝑡𝑡𝑖 𝑖𝑛 𝑜𝑛𝑜𝑟𝑒 𝑑𝑖 𝐴. 𝐺𝑢𝑎𝑟𝑖𝑛𝑜, vol. V, Napoli 1985, 2567.

C. Mɪʀᴀʟʟᴇs, 𝐿𝑎 𝑝𝑜𝑒𝑠𝑖𝑎 𝑑𝑖 𝑀𝑖𝑚𝑛𝑒𝑟𝑚𝑜, Lexis 1 (1988), 35-52.

C.W. Mᴜ̈ʟʟᴇʀ, 𝐷𝑖𝑒 𝑎𝑛𝑡𝑖𝑘𝑒 𝐵𝑢𝑐ℎ𝑎𝑢𝑠𝑔𝑎𝑏𝑒 𝑑𝑒𝑠 𝑀𝑖𝑚𝑛𝑒𝑟𝑚𝑜𝑠, RhM 131 (1988), 197-211 [jstor.org].

G. Pᴀsǫᴜᴀʟɪ, 𝑀𝑖𝑚𝑛𝑒𝑟𝑚𝑜, in 𝑃𝑎𝑔𝑖𝑛𝑒 𝑠𝑡𝑟𝑎𝑣𝑎𝑔𝑎𝑛𝑡𝑖, vol. 1, Firenze 1968, 318-326.

M. Pᴀᴛᴏᴄᴄʜɪ, 𝐴 𝑝𝑟𝑜𝑝𝑜𝑠𝑖𝑡𝑜 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑝𝑎𝑡𝑟𝑖𝑎 𝑑𝑖 𝑀𝑖𝑚𝑛𝑒𝑟𝑚𝑜, QUCC 15 (1983), 75-82.

G.A. Pʀɪᴠɪᴛᴇʀᴀ, 𝐿𝑎 𝑠𝑜𝑟𝑝𝑟𝑒𝑛𝑑𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑐𝑜𝑛𝑐𝑙𝑢𝑠𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑒𝑙 𝑓𝑟𝑔. 8 𝑑𝑖 𝑀𝑖𝑚𝑛𝑒𝑟𝑚𝑜, in M. Cᴀɴɴᴀᴛᴀ̀ Fᴇʀᴀ, G.B. D’Aʟᴇssɪᴏ (eds.), 𝐼 𝑙𝑖𝑟𝑖𝑐𝑖 𝑔𝑟𝑒𝑐𝑖. 𝐹𝑜𝑟𝑚𝑒 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑐𝑜𝑚𝑢𝑛𝑖𝑐𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑒 𝑠𝑡𝑜𝑟𝑖𝑎 𝑑𝑒𝑙 𝑡𝑒𝑠𝑡𝑜, 𝐴𝑡𝑡𝑖 𝑑𝑒𝑙𝑙’𝑖𝑛𝑐𝑜𝑛𝑡𝑟𝑜 𝑑𝑖 𝑆𝑡𝑢𝑑𝑖. 𝑀𝑒𝑠𝑠𝑖𝑛𝑎, 5-6 𝑛𝑜𝑣𝑒𝑚𝑏𝑟𝑒 1999, Messina 2001, 193-198.

M. Sᴀɴᴢ Mᴏʀᴀʟᴇs, 𝐿𝑎 𝑐𝑟𝑜𝑛𝑜𝑙𝑜𝑔𝑖́𝑎 𝑑𝑒 𝑀𝑖𝑚𝑛𝑒𝑟𝑚𝑜, Eikasmós 11 (2000), 29-52.

V. Tᴀɴᴅᴏɪ, 𝐶𝑜𝑚𝑒 𝑙𝑒 𝑓𝑜𝑔𝑙𝑖𝑒 (𝑁𝑜𝑡𝑎 𝑎 𝐶𝑜𝑟𝑛𝑖𝑓𝑖𝑐𝑖𝑜, 𝑓𝑟. 3 𝑇𝑟𝑎𝑔𝑙𝑖𝑎), in E. Fʟᴏʀᴇs (ed.), 𝐿𝑎 𝑐𝑟𝑖𝑡𝑖𝑐𝑎 𝑡𝑒𝑠𝑡𝑢𝑎𝑙𝑒 𝑔𝑟𝑒𝑐𝑜-𝑙𝑎𝑡𝑖𝑛𝑎 𝑜𝑔𝑔𝑖. 𝑀𝑒𝑡𝑜𝑑𝑖 𝑒 𝑝𝑟𝑜𝑏𝑙𝑒𝑚𝑖, 𝐴𝑡𝑡𝑖 𝑑𝑒𝑙 𝑐𝑜𝑛𝑣𝑒𝑔𝑛𝑜 𝑖𝑛𝑡𝑒𝑟𝑛𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑎𝑙𝑒. 𝑁𝑎𝑝𝑜𝑙𝑖, 29-31 𝑜𝑡𝑡𝑜𝑏𝑟𝑒 1979, Roma 1981, 241-267.

M.L. Wᴇsᴛ, 𝐼𝑎𝑚𝑏𝑖 𝑒𝑡 𝑒𝑙𝑒𝑔𝑖 𝐺𝑟𝑎𝑒𝑐𝑖 𝑎𝑛𝑡𝑒 𝐴𝑙𝑒𝑥𝑎𝑛𝑑𝑟𝑢𝑚 𝑐𝑎𝑛𝑡𝑎𝑡𝑖, vol. II, Oxford 1992², 83-92.

2 pensieri su “Mimnermo

Annotazioni e osservazioni dei lettori

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.